Incontro di zooantropologia didattica Noi e il cane

Cari lettori,

desideriamo informarvi dell’iniziativa “Incontro A 6 Zampe! – Noi e il cane”, che si terrà domenica 31 agosto presso la fattoria biologica didattica del Carpanedo (La Spezia). L’evento è stato organizzato dall’educatrice cinofila Sveva Borghini (Associazione CodAmica a passo di cane – La Spezia); il socio dello Scoiattolo Eva Ricci, biologa esperta in relazione uomo-animale, parteciperà alle attività come operatrice.

Locandina Noi e il Cane

Locandina Noi e il Cane

Questo incontro è strutturato in laboratori ludici e didattici mirati a favorire una corretta relazione bambino-cane.

Sono previsti giochi ed attività in cui il bambino “impara-facendo” mettendosi in gioco in prima persona, attraverso un percorso di socializzazione, sensibilizzazione e conoscenza dell’animale: quanto sappiamo di lui? Come ci rapportiamo al cane? Sappiamo capirlo? Con i suoi segnali cosa ci sta dicendo?

Al termine delle attività si svolgerà la visita guidata della fattoria.

I laboratori sono indirizzati a bambini dai 6 ai 10 anni di età.

L’appuntamento è per il 31 agosto, a partire dalle ore 16.00, presso la Fattoria biologica didattica del Carpanedo, via Del canale 3A (località Limone), 19137 La Spezia. E’ possibile trovare informazioni per raggiungere la località alla pagina Facebook “Fattoria biologica didattica del Carpanedo”.

Si richiede la prenotazione entro il giorno 29 agosto, la quota di partecipazione è di 5 euro a bambino. Gradita la presenza dei genitori durante lo svolgimento delle attività.

In caso di maltempo l’evento sarà rimandato a una data successiva che verrà comunicata.

Per prenotazioni ed informazioni: Sveva 3470870106 e pagina Facebook dell’evento Incontro A 6 Zampe!

Vi aspettiamo!

Pubblicato in Etologia, News Associazione | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Corso microbiologia alimentare: Escherichia coli

CORSO MICROBIOLOGIA ALIMENTARE:

Escherichia coli

1.0 GENERALITA’

Il genere Escherichia comprende sette specie tra cui E. coli, la specie  più comune e più importante dal punto di vista clinico. Il nome deriva dal suo scopritore, Theodor Escherich, pediatra tedesco che isolò il batterio dalle feci di neonati e lo correlò ad  un’enterite fatale che colpiva i bambini. Inizialmente il batterio prese il nome di Bacillus communis coli e solo dopo la morte del  pediatra acquisì il nome di Escherichia coli.

Escherichia coli  è un microrganismo bastoncellare Gram -  appartenente alla famiglia delle Enterobacteriaceae, prevalentemente mobile, anaerobio facoltativo, avente temperatura ottimale di crescita a +37°C; fermenta il glucosio ed altri carboidrati, con produzione di acido e di gas. Ossidasi negativo e catalasi positivo riduce i nitrati a nitriti, e possiede una membrana esterna formata da un lipopolisaccaride (LPS) contenente tre componenti: un polisaccaride O (antigene somatico), un core polisaccaridico (antigene comune a tutte le Enterobacteriaceae) e un lipide A (endotossina).

Escherichia coli al microscopio (le scienze)

Escherichia coli al microscopio (le scienze)

Microrganismo che si trova nell’intestino di esseri umani ed animali a sangue caldo popola il tratto digerente insieme ad altri batteri facenti parte della flora intestinale; tuttavia  alcuni ceppi possono produrre malattie e causare patologie quali sepsi, meningiti, infezioni del tratto urinario e gastroenteriti. L’habitat intestinale di tale microrganismo lo rende un utile indicatore di contaminazione fecale per valutare la qualità e la sicurezza di alimenti e acque destinate ad uso umano.

2.0 E. COLI E TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

Escherichia coli è un microrganismo abbondantemente presente in natura e, come detto in precedenza, vive abitualmente nell’intestino dell’uomo e degli animali. La trasmissione dei ceppi patogeni per via alimentare avviene tramite l’ingestione di acqua e cibi contaminati, ed esistono per tale motivo normative che disciplinano la presenza di questo germe nelle suddette matrici.

Il Decreto Legislativo n. 31/2001 regolamenta la qualità delle acque destinate al consumo umano, nominando parametri microbiologici e chimici che devono essere soddisfatti al fine di considerare l’acqua potabile; E. coli insieme agli enterococchi rientrano in tali criteri di giudizio ed entrambi devono essere assenti in 100 ml di acqua campionata (valore espresso come <1/100 ml).

Il Regolamento CE n. 2073/2005 e successive modifiche nomina E. coli fra i parametri microbiologici per la sicurezza dei prodotti alimentari e specifica per tipologia di prodotto il limite massimo, la metodologia d’analisi, la fase di processo cui va applicato e le azioni correttive da adottare in caso di non conformità. Il rilievo del mancato rispetto del limite stabilito per la concentrazione di E. coli in una determinata categoria di alimenti, come di qualsiasi altro  microrganismo considerato un criterio di sicurezza (Listeria monocytogenes, Salmonella spp.) comporta da parte dell’azienda operante:

  • ritiro e/o richiamo del prodotto;
  • informazione dell’autorità competente;
  • collaborazione con l’autorità competente;
  • intraprendere azioni correttive;
  • rivalutazione ed eventuale revisione delle procedure di conduzione e controllo del processo.

E. coli non solo è considerato un criterio si sicurezza alimentare dalla normativa vigente, ma anche un criterio di igiene del processo, poiché la presenza di tale microrganismo al di sopra di determinati valori indica delle falle nei processi di sanificazione dei locali e delle attrezzature di lavoro e/o nell’igiene del personale.

I principali veicoli alimentari implicati nelle epidemie da E. coli sono rappresentati da:

  • preparati a base di carne mal cotti (hamburger, polpette);
  • latte non pastorizzato;
  • acqua non potabile;
  • formaggi;
  • carne cruda;
  • vegetali lavati con acqua non potabile.
Escherichia coli (colonie azzurre) isolato da alimenti in terreno di coltura TBX medium

Escherichia coli (colonie azzurre) isolato da alimenti in terreno di coltura TBX medium

Esistono vari ceppi di E. coli, alcuni capaci di causare gastroenteriti nell’uomo ed in alcuni animali:

  • Escherichia coli enteropatogeni (EPEC);
  • Escherichia coli enteroinvasivi (EIEC);
  • Escherichia coli enterotossigeni (ETEC);
  • Escherichia coli enteroemorragici (EHEC);
  • Escherichia coli enteroaderenti (EACE).

Le tossinfezioni alimentari causate da Escherichia coli possono essere differenziate nelle seguenti forme, in base al ceppo che le scatena:

  • tossinfezione da ceppi enteroinvasivi (EIEC): causata dalla penetrazione dei germi nella mucosa del colon si manifesta dopo un periodo di incubazione di 8-24 ore con brividi, febbre, mal di testa, diarrea profusa e disidratazione. Nelle feci sono presenti globuli bianchi in grande quantità;
  • tossinfezione da ceppi enteropatogeni (EPEC): compare prevalentemente nei bambini ospedalizzati e più raramente nei soggetti adulti. I sintomi compaiono 16-72 ore dopo l’ingestione del pasto con vomito, febbre, dolori addominali e diarrea mucosa che può durare da 6 ore a 3 giorni. Nelle feci solitamente, non è presente sangue;
  • tossinfezione da ceppi enterotossigeni (ETEC): sono i microrganismi più frequentemente chiamati in causa nella cosiddetta “diarrea del viaggiatore”, una malattia che compare spesso per assunzione di acqua contaminata. I sintomi provocati da tali batteri compaiono dopo 8-48 ore dall’ingestione dell’alimento e sono attribuibili alla produzione di tossine che determinano nausea, malessere, diarrea acquosa e crampi addominali;
  • tossinfezione da ceppi enteroemorragici (EHEC-VTEC): ne è esempio quella scatenata da Escherichia coli O157:H7 caratterizzata da diarree sanguinolente, che può sfociare in una complicanza definita sindrome emolitica uremica, più frequente nei bambini di età inferiore ai 5 anni e negli anziani. La malattia è determinata dalla produzione di tossine fra le quali la più importante sembra essere la verocitotossina;
  • tossinfezione da ceppi enteroaderenti (EAEC): ingeriti con i cibi raggiungono l’intestino tenue dove aderiscono agli enterociti e causano diarrea acquosa, vomito e febbre. I diversi ceppi di E. coli causano tossinfezioni più o meno gravi in dipendenza della carica infettante presente nell’alimento e della suscettibilità dell’individuo che lo ingerisce; in generale la dose minima infettante si aggira tra 107-109 UFC/g,  tranne per gli E. coli enteroemorragici che possono causare la malattia con 10-100 UFC/g.

Le misure di controllo delle tossinfezioni sostenute da Escherichia coli sono incentrate:

  • ad evitare le contaminazioni fecali del cibo o delle bevande durante tutte le fasi di preparazione. Particolarmente importante risulta essere nel caso delle carcasse la macellazione che rappresenta un punto estremamente critico di inquinamento; lo stesso dicasi per la contaminazione del latte durante la mungitura;
  • ad applicare buone pratiche di lavorazione ovvero rispettare le norme igieniche, ad esempio il lavaggio mani, ed impedire contaminazioni crociate fra gli alimenti;
  • ad utilizzare alte temperature per la cottura degli alimenti a rischio e conservare le pietanze in condizione di refrigerazione.

3.0 MECCANISMO PATOGENETICO DI E. COLI

Come specificato sopra esistono vari ceppi di E. coli, ognuno caratterizzato da determinate forme di virulenza che determinano la patogenicità del microrganismo, ovvero la sua capacità di determinare una malattia nell’uomo. Possiamo riassumere i fattori di virulenza di E. coli in tre categorie:

  • adesività;
  • invasività;
  • capacità di produrre tossine.

Di seguito riportiamo la modalità con cui i diversi ceppi di E. coli causano gastroenteriti nell’uomo:

  • ceppi ETEC: producono due tipi di tossine, termolabili e termostabili, entrambe evocate da geni localizzati su plasmidi trasferibili. Le tossine causano attraverso meccanismi cellulari la perdita di liquidi da parte delle cellule dell’intestino tenue, con conseguente diarrea acquosa;
  • ceppi EPEC: questi ceppi formano microcolonie adese alle cellule epiteliali dell’intestino tenue attraverso elementi che ricordano il piedistallo di un calice. Per attaccarsi alla mucosa i germi usano delle adesine particolari, fra cui l’intimina. I sintomi sono diarrea accompagnata da febbre, nausea, vomito e feci non sanguinolente;
  • ceppi EIEC: simili alle shigelle, possiedono un gruppo di geni collocati su un plasmide responsabili dell’invasione dell’epitelio del colon. I batteri entrano nelle cellule lisando il vacuolo, si moltiplicano nel citoplasma e migrano verso altre cellule adiacenti seguendo dei percorsi formati da filamenti di actina; questo tipo di movimento assomiglia a quello delle listerie. I sintomi sono febbre, crampi, diarrea acquosa;
  • ceppi EHEC: le tossine si legano a un glicolipide della cellula ospite che abbonda nei villi intestinali e nelle cellule renali. La distruzione dei villi intestinali causa una diminuzione dell’assorbimento e quindi, un maggior rilascio di fluidi. La complicazione più temuta è la sindrome emolitico uremica, dovuta alla tossina che distrugge le cellule renali del glomerulo con conseguente diminuzione della capacità filtrante e insufficienza renale acuta. I sintomi possono scomparire spontaneamente dopo 4-10 giorni, ma permangono rischi di complicazioni (30%) e di mortalità (3-5%);
  • ceppi EAEC: i batteri si dispongono a forma di mattoni ammassati grazie a fasci di fimbrie (organi di aderenza) e stimolano la secrezione di muco, per cui si formano dei biofilm batterici stratificati sulle cellule dell’intestino tenue con conseguente diarrea acquosa, vomito, e febbre lieve.

4.0 E. COLI E ANTIBIOTICO RESISTENZA

L’Istituto Superiore di Sanità mostra un panorama poco confortante: nel giro di 4 anni è aumentata notevolmente la resistenza in due specie di batteri sotto sorveglianza: Escherichia coli e Klebsiella pneumoniae.

Queste due specie mostrano un aumento nelle percentuali di resistenza alle cefalosporine di terza generazione, fluorochinoloni ed aminoglicosidi, resistenze che sono spesso combinate tra di loro generando batteri multi-resistenti, causa di infezioni difficilmente trattabili. Negli ultimi anni tra le resistenze si è aggiunta quella ai carbapenemi, antibiotici di ultima risorsa, che può rendere l’infezione intrattabile.  L’antibiotico-resistenza di tali microrganismi non è uniforme nei paesi dell’Unione Europea, ma è maggiore nei paesi del sud e dell’est Europa, tra cui l’Italia.

Gli andamenti registrati sono preoccupanti: rimangono poche opzioni terapeutiche disponibili per il trattamento di pazienti infettati da questi ceppi, e per i prossimi anni si ipotizza una situazione anche peggiore.

5.0 BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA

  1. Germano Mucchetti, Erasmo Nevian. Microbiologia e tecnologia lattiero casearia, pp 781-784.
  2. Giorgio Gilli. Professione igienista. Manuale dell’igiene ambientale e territoriale, Casa editrice ambrosiana, 2010. Lo Nostro Antonella, malattie trasmesse da alimenti pp 336-375.
  3. http://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/01031dl.htm
  4. http://www.cdc.gov/ecoli/
  5. http://www.ceirsa.org/docum/allegato_punto3.pdf
  6. http://www.epicentro.iss.it/focus/resistenza_antibiotici/rapportoEarss.asp
  7. http://www.iss.it/pres/?lang=1&id=1383&tipo=6
  8. http://www.izsto.it/images/stories/Osservatorio/TC_reg._2073.pdf
  9. http://www.lescienze.it/news/2012/09/21/news/batterio_chiave_evoluzione_escherichia_coli_geni-1265370/
  10. http://195.45.99.79/csra/index.php?option=com_content&task=view&id=96&Itemid=229
  11. Maurizio Zavanella. Escherichia coli, una scoperta continua. Fondazione iniziative zooprofilattiche e zootecniche brescia.
  12. Pasquale Galetta et al. ENTER-NET: sorveglianza delle infezioni da patogeni enterici. Isolamenti di Salmonella spp., E. coli produttori di verocitotossina e Campylobacter spp. da infezioni umane e da fonti ambientali in Italia nel 2006.
Pubblicato in Microbiologia, News Associazione | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Corso di Biologia Marina: Cnidaria – Sistematica Parte I

Cari lettori,

continua la pubblicazione nella pagina “Documenti Tecnici” del Corso Introduzione alla Biologia Marina a cura del Dott. Giuseppe Mazza.

Esempio di Octocorallia (www.reefnews.eu)

Esempio di Octocorallia (www.reefnews.eu)

 

In questo nuovo appuntamento condividiamo un ricco documento di ben 60 pagine in cui si inizia l’approfondimento circa la sistematica del Phylum Cnidaria, in particolare per la sottoclasse Anthozoa Octocorallia:

“[...] Il nome Anthozoa significa letteralmente fiori animali e deriva loro dal fatto che gli esemplari appartenenti a questa classe sono stati considerati dei fiori o delle piante sin dai tempi di Aristotele, che li aveva classificati tra i cosiddetti zoofiti perché il loro aspetto ricordava a prima vista quello di una pianta fiorita. Solo nel 1848 lo zoologo tedesco Rudolf Leuckart tolse definitivamente ogni valenza scientifica alla suddetta categoria sistematica, che suddivise in Echinodermi e Celenterati, riportando questi organismi al loro rango di veri e proprio animali  [...]

Il documento come vedrete è particolarmente ricco di illustrazioni e fotografie, per facilitare la comprensione della complessità tassonomica ed apprezzare al massimo la bellezza di questi animali.

Buona Lettura!

Pubblicato in Biologia Marina, News Associazione, Zoologia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Le fasi di sviluppo comportamentale del gatto

Dopo aver analizzato le fasi di sviluppo del cane, passiamo ad un’altra specie: il gatto. Anche in questo caso  sono state riconosciute 5 principali fasi; queste non sono nettamente divise tra loro e la loro durata e transizione può variare da razza a razza e da individuo ad individuo. Tuttavia è possibile schematizzarle.

1. PERIODO PRENATALE: si identifica con la gestazione (che dura circa 2 mesi), quindi il periodo in cui il cucciolo è nel ventre materno, fino alla nascita. Alcuni studi hanno dimostrato che i feti sviluppano una certa sensibilità tattile a partire dal 24° giorno di gestazione. Inoltre dal 40° giorno si sviluppa la competenza gustativa. Quindi, in qualche modo, il mondo esterno può entrare nel ventre di mamma gatta e i piccoli possono rispondere a stimoli esterni.

1.Periodo prenatale (Google immagini)

1.Periodo prenatale (Google immagini)

2. PERIODO NEONATALE: va dalla nascita ai 9 giorni circa. I piccoli nascono con gli occhi chiusi e il sistema uditivo poco sviluppato.  Non riescono a termoregolare bene, per questo devono stare vicini alla madre e vicini tra loro. L’attività prevalente del cucciolo è il sonno, che occupa quasi il 90% della giornata. Nasce il legame di attaccamento madre-gattino, che però in questa fase non è reciproco: è la madre che si attacca ai gattini e li riconosce come propri. La chiamata più frequentemente espressa dai gattini è una sorta di pianto chiamato “Type A Call”, associato a distress. Le interazioni vocali della madre verso i piccoli si esprimono attraverso il “Brrp”, spesso accompagnate dalle fusa.

2.Periodo neonatale (Google immagini)

2.Periodo neonatale (Google immagini)

3. PERIODO DI TRANSIZIONE: comincia con l’apertura degli occhi e si conclude con la comparsa del riflesso di orientamento uditivo (intorno al 16° giorno di vita) e visivo (tra il 15° e il 21° giorno di vita). In questa fase il cucciolo può cominciare ad assaggiare cibo più solido, oltre al latte.  Comincia a reggersi sulle zampe e a camminare in modo sempre più sciolto. Il legame di attaccamento tra madre e gattino diventa reciproco: mamma gatta è la “base sicura” per il piccolo, cioè la fonte di conforto e la base da cui partire – e tornare – per esplorare il mondo.

3.Periodo di transizione (Google immagini)

3.Periodo di transizione (Google immagini)

4. PERIODO DI SOCIALIZZAZIONE (2°/3° settimana-9 settimane): il cucciolo impara a riconoscere i propri simili (socializzazione intraspecifica o primaria) e l’uomo e gli altri animali (socializzazione interspecifica o secondaria). In questa fase è fondamentale arricchire l’ambiente di vita del gattino con oggetti e persone (sempre in modo graduale, piacevole e non troppo invasivo) in modo che prenda confidenza con ciò che lo circonda. Giocando con i fratelli e la madre impara a controllare il morso e ad utilizzare i comportamenti tipici della specie, come ad esempio le corrette sequenze predatorie. Ricordiamo che, se da una parte è bene far socializzare i piccoli con persone ed altri animali, dall’altra è necessario che i cuccioli rimangano con la madre e i fratelli almeno fino al compimento dei due mesi di età. Così permettiamo loro di crescere e formarsi come “gatti” in modo corretto, in un contesto positivo e rilassato, dato dalla presenza della mamma e dei fratelli. Alla 4° settimana inizia il processo di svezzamento (la madre si sottrae alla poppata) e si conclude verso la 7° settimana. Il riflesso di raddrizzamento in aria comincia a comparire verso la 4° settimana di vita e all’età di 6 settimane raggiunge il livello di efficienza che normalmente si osserva negli adulti.

4.Periodo di socializzazione (Google immagini)

4.Periodo di socializzazione (Google immagini)

5. PERIODO GIOVANILE/PUBERTARIO (fino ai 6 mesi circa, ma con grandi variazioni tra i 4 e i 18 mesi a seconda della razza e dell’individuo): tutti i sensi sono completamente sviluppati. Questo è un periodo di “metamorfosi”: avvengono evidenti cambiamenti fisici e comportamentali;  il gatto progressivamente diventa autonomo rispetto ai conspecifici; nel maschio compaiono esplorazione a lunga distanza, marcatura urinaria, combattimenti tra maschi. Nella femmina la pubertà compare con il primo calore (circa 6 mesi, con grandi variazioni da 3 a 12 mesi).

Come si può osservare, molte considerazioni fatte per il cane valgono anche per il gatto, ma bisogna sempre tenere presente che le due specie sono diverse per caratteristiche, comportamento e bisogni. In generale, comunque, anche per il gatto sono di fondamentale importanza la socializzazione primaria e secondaria e la possibilità di rimanere con madre e fratelli almeno fino alle 8 settimane, in modo da avere uno sviluppo equilibrato e completo. Tuttavia, in caso di domande o dubbi relativi allo sviluppo del proprio gattino, il proprietario può rivolgersi agli esperti di comportamento animale.

5.Periodo giovanile (Google immagini)

5.Periodo giovanile (Google immagini)

Fonti:

  1. Lezioni di etologia del gatto, Master in Etologia degli animali d’affezione, Dott.ssa G. Guardini, 2012.
  2. Bateson P.,  2000. Behavioural development in the cat. In: The Domestic Cat: The Biology of Its Behaviour, D. C. Turner & P. Bateson eds. Cambridge University Press, pp. 9-22.

Pubblicato in Etologia, Zoologia | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Gli Insetti Stecco arrivano al Pozzale

Carissimi lettori,

con vero piacere rendiamo noto che martedì 8 luglio 2014, al Circolo Arci Pozzale (Empoli), si terrà un incontro-laboratorio, per bambini, sugli insetti stecco e la loro biologia. Ogni partecipante potrà toccarli e osservarli da vicino, oltreché apprendere la giusta maniera di allevarli!

Di seguito il volantino dell’evento con i recapiti da contattare per la prenotazione:

SR - Stecco locandina

Pubblicato in Etologia, Eventi Associazione, News Associazione, Zoologia | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento