Maschi sexy e corteggiatori acrobatici

Nel mondo animale troviamo nell’ambito della stessa specie differenze tra maschi e femmine, in particolare possiamo notare maschi con elaborati tratti che possiamo definire ornamentali, come ad esempio la coda del pavone, caratteristiche non utili alla sopravvivenza dell’individuo (una grande coda potrebbe essere di intralcio nella fuga da un predatore per esempio!). Ma allora perché si evolvono certi ornamenti?

Darwin parlò di selezione sessuale, operata spesso (ma non sempre) da femmine la cui preferenza cade sul maschio più sexy e prestante, capace di fornire i migliori geni per la prole (ipotesi del figlio sexy). Il genere femminile di solito è il più interessato a valutare attentamente e discriminare fra i potenziali partner perché l’investimento energetico nella produzione delle uova e nelle cure parentali è più alto che nel maschio, così per le femmine è fondamentale scegliere un maschio “bello” e fecondo. A tal proposito, certe caratteristiche dei maschi, come ad esempio la macchia bianca sul petto della starna, tendenzialmente preferiti dalle femmine per la riproduzione, è stato dimostrato, sono correlati ad elevati tassi di testosterone nel sangue, quei maschi saranno più aggressivi degli altri con il rischio di avere vita più breve ma avranno più probabilità di accoppiarsi e quindi aumentare la loro fitness. I maschi con minor testosterone invece saranno meno aggressivi, avranno anche meno probabilità d’ammalarsi (il testosterone è leggermente immunosoppressivo, cioè abbassa le naturali difese dell’organismo) quindi hanno più probabilità di avere una lunga vita e anche perciò vivere più stagioni riproduttive, ma saranno meno scelti dalle femmine. Ecco il  perché di tanta diversificazione! Diverse strategie e qualche compromesso evolutivo per raggiungere in  modi diversi lo stesso scopo!

Acrobati (www.rbcasting.com)

Acrobati (www.rbcasting.com)

Non solo però le caratteristiche esteriori sono importanti per aumentare la frequenza di accoppiamento in un maschio. Darwin parlò di “vigore” cioè è importante anche la prestanza di un maschio. Ed ecco che una femmina di rana sceglie il ranocchio dal gracidio più grave perché indica maggiori dimensioni dello stesso, allo stesso modo nel cervo la femmina riconosce il bramito che appartiene al maschio più grande.

Anche elaborate danze di corteggiamento possono essere considerate molto attraenti dalle femmine, questo nell’uccello paradiso o in molte altre specie del regno animale perché danno molte indicazioni sulla forza e salute del maschio. L’uccello giardiniere invece preferisce costruire dei nidi molto elaborati e decorati con tutto ciò che trova, fiori, stecchi, anche qualche cartaccia purtroppo a volte …

L’uccello manachino dal collare dorato (Manacus vitellinus), in particolare, ha un elaborato display di accoppiamento. Questi esemplari maschi, quando sono nel periodo degli amori, si ritrovano insieme in “arene”, radure del bosco, e per attrarre l’attenzione delle femmine effettuano danze energicamente molto costose per moltissime ore del giorno, aspettando le femmine che riescono a distinguere anche sottilissime differenze in queste performance, scegliendo per l’accoppiamento con maggior frequenza sempre gli stessi pochi maschi, che inoltre occupano anche posizioni strategiche all’interno di questi lek (le zone dove gruppi di maschi si ritrovano per il corteggiamento). Al riguardo uno studio interessante è uscito nel 2011 su “The royal society” eseguito da gennaio a luglio tra il 2006 e il 2009, in una foresta lungo il canale di Panama. E’ stata misurata la preferenza femminile del manachino in base alla frequenza di accoppiamento; i maschi nell’arena fanno dei salti ed emettono suoni con le piume posteriori che sono zigrinate (un po’ come le zampette dei grilli).

Sono stati misurati i ritmi cardiaci dei maschi di manachino dal collare dorato con mini trasmittenti, inoltre video registrate le danze e riviste al rallentatore. L’aumento del ritmo cardiaco è notevole durante la danza, 1017+28 b.p.m. rispetto ai 563+35 b.p.m. dell’animale a riposo, segno questo di un grande dispendio energetico tanto da portare ad una diminuzione della massa corporea fino a circa il 18% nelle 6-7 settimane di attività di corteggiamento.

Nel periodo di tempo considerato di 30 minuti è stato rilevato: i maschi che avevano il maggior numero di copule erano i più rapidi nel display di corteggiamento e che le femmine riuscivano a distinguere differenze di velocità tra i 10-100 millisecondi, impossibili da vedere a occhio nudo, solo la macchina da presa al rallentatore le poteva provare.

La femmina del manachino così sceglie (e seleziona) i maschi dal miglior sistema cardiovascolare, ma anche neuromuscolare, quelli più sani, fecondi e resistenti ai parassiti.

Come vogliono le leggi di Darwin.

Corinna Onori

Fonti:

1.Female choice for male motor skills; Julia Barske, Barney A. Schlinger, Martin Wikelski and Leonida Fusani

Questa voce è stata pubblicata in Etologia, Zoologia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Maschi sexy e corteggiatori acrobatici

  1. Mark Someson ha detto:

    Sexy males and animals. Scoiattolo gets hot! ;)

  2. Gabriella Lovaldo ha detto:

    Tutto una provocazione questo articolo! ihihihih! :)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...