Alzheimer da un punto di vista molecolare

La demenza di Alzheimer è una malattia caratterizzata dal progressivo decadimento delle funzioni cognitive e si sviluppa prevalentemente in età senile. Solo il 15-20% dei casi circa è dovuto a basi genetiche (ereditarietà genetica) ed è determinato da una progressiva compromissione di funzioni cognitive come la memoria, il linguaggio e l’attenzione e questo porta a una difficoltà progressiva nello svolgere gli atti della vita quotidiana.

Da un punto di vista molecolare l’Alzheimer è dovuto a una sovrapproduzione di proteina beta-amiloide (infatti questa malattia può essere considerata una proteinopatia) che va a depositarsi in alcune aree cerebrali formando delle placche. Il peptide beta-Amiloide è costituito da 42 aminoacidi e deriva dal taglio enzimatico di una proteina di membrana chiamata APP (Amyloid Precursor Protein). Intorno ai depositi di beta-Amiloide si sviluppa un processo infiammatorio che aumenta lo stress ossidativo a livello dei neuroni cerebrali, con conseguente morte degli stessi. I farmaci antinfiammatori, come i Coxib, rallentano un po’ il processo infiammatorio, infatti vengono usati in terapia e possono anche essere utili nella prevenzione delle demenze.

In altri casi  può essere presente una proteina Tau iperfosforilata, cioè ricca di gruppi fosfato. Questa proteina normalmente interagisce con le tubuline (che costituiscono i microtubuli) per promuoverne l’assemblaggio e  stabilizzare i microtubuli. Quando è iperfosforilata la Tau si appaia con altre Tau andando a formare ammassi neurofibrillari  che portano al collasso dei microtubuli e quindi del citoscheletro, con conseguenti problemi nella comunicazione tra cellule nervose.

istologia dell' Alzheimer: in a le placche di beta-amiloide; in b ammassi neurofibrillari. Google immagini.

Fonti:

 

  1. Appunti presi a lezione della professoressa Anna Maria Pugliese;
  2. le basi patologiche delle malattie, Robbins e Cotran, Volume 2.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Biologia Molecolare, Neuroscienze, Patologia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Alzheimer da un punto di vista molecolare

  1. Pingback: Una malattia speculare alla prosopagnosia … la Sindrome di Fregoli | ASSOCIAZIONE SCOIATTOLO RAMPANTE

  2. Hubert Nube ha detto:

    Well structured article.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...