Malattia speculare alla prosopagnosia: Sindrome di Fregoli

donne mascherate

volti mascherati (Google immagini). I pazienti con Sindrome di Fregoli ritengono di essere seguiti da replicanti e che anche i familiari siano individui mascherati.

Il paziente con la Sindrome di Fregoli, conosciuta anche con la denominazione di Sindrome di Capgras, manifesta un’ottima capacità di riconoscere le persone a lui familiari, o semplicemente vicine. Il riconoscimento è seguito da una profonda delusione di essere stato tratto in inganno da un sosia o un individuo travestito. Come varie patologie, anche la Sindrome di Fregoli ha vari gradi di gravità e, soprattutto, la cosa rilevabile è che  colpisce più frequentemente le donne. Nei casi peggiori, questa patologia, si può evolvere in  una vera e propria mania di persecuzione. Una caratteristica comune a tutti i pazienti, affetti da questa sindrome, è la tendenza a confabulare quando è loro chiesto il perché continuano a mantenere una relazione sociale con i sostituti.

Questa sindrome potrebbe essere ricondotta al disturbo della mancata comunicazione tra gruppi neuronali del giro fusiforme e dell’ ippocampo con le strutture del “cervello emotivo. Da questa perturbazione scaturisce quindi il sentimento di estraneità che il volto del congiunto determina nel paziente e, di conseguenza, la convinzione che un estraneo si celi dietro la “maschera” del familiare.

L’uso della risonanza magnetica nucleare funzionale (fMRI) ha rivelato che i pazienti con la Sindrome di Fregoli, presentano delle anomalie neurologiche nell’area limbica. In altre parole hanno dei problemi proprio nelle regioni coinvolte nelle emozioni suscitate quando si vede un viso noto rispetto ai soggetti “sani”.

Alcuni pazienti, in seguito al progredire della neurodegenerazione, hanno sviluppato anche prosopagnosia. La neurodegenerazione, infatti, colpirebbe prima una determinata area cerebrale coinvolta nelle emozioni e poi proseguirebbe in un’altra area causando il mancato riconoscimento dei volti. Questa teoria sembra essere molto valida poiché le aree in questione sono molto vicine ed entrambe coinvolte nei fenomeni neurodegenerativi come l’Alzheimer.

Fonti:

  1. A.J. Laner “A dictionary of neurological signs”.
  2. http://www.molecularlab.it
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Neuroscienze, Patologia e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Malattia speculare alla prosopagnosia: Sindrome di Fregoli

  1. Pingback: Prosopagnosia: una malattia socialmente invalidante | Associazione culturale Scoiattolo Rampante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...