Una pianta di milioni di anni fa

Navigando sul web mi sono imbattuto in questo interessante articolo sul sito http://daily.wired.it circa la riuscita “resurrezione” di semi di una pianta, la Silene stenophylla, di 32mila anni fa. Sicuramente una splendida occasione di analizzare il genoma e l’evoluzione degli organismi vegetali. Mi sembrava doveroso citarlo, oltre che per la scoperta scientifica, anche per il luogo del ritrovamento dei semi: una tana di scoiattoli.

Silene stenophylla (Google Immagini)

“Non sarà imprevedibile come i dinosauri clonati dall’ambra di Jurassic Park, ma di sicuro la pianta vecchia di 32mila anni germogliata nel  Soil Cryology Laboratory di Mosca avrà molto da raccontare agli scienziati. I semi di Silene stenophylla rinvenuti nel sottosuolo della tundra siberiana hanno infatti conservato intatto il dna racchiuso al loro interno: una finestra spalancata sulla storia evolutiva delle specie vegetali. E pensare che il record di antichità era detenuto da una palma di soli duemila anni. Una bella soddisfazione per il gruppo di ricercatori coordinati dal geoecologo David Gilichinsky, che ha pubblicato uno studio sulle pagine di Pnas. 

Come racconta il New York Times, è un fatto abbastanza comune che gli scienziati si imbattano insemi antichi e siano presi dal desiderio di farli germinare. La curiosità di vedere come si sviluppa una pianta dal codice genetico vecchio di decine di migliaia di anni trasmette sempre una certa emozione. 
È un po’ come trovare un vecchio film abbandonato negli scaffali di un archivio e guardarlo per la prima volta dopo tanto tempo. Con l’unica differenza di poter conoscere l’età precisa dei semi attraverso un’etichetta particolare, quella fornita dalla datazione con i radioisotopi del carbonio. Sono vecchi di 32mila anni, millennio più, millennio meno. Insomma, coetanei dei mammut e rinoceronti lanosi che popolavano la regione siberiana durante l’ultima glaciazione.”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Botanica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...