La Tubercolosi

La tubercolosi è una malattia contagiosa che si trasmette per via aerea mediante un batterio, il Mycobacterium tuberculosis (bacillo di Koch). Il contagio può avvenire per trasmissione da un individuo malato, tramite saliva, starnuto o colpo di tosse. Per trasmettere l’infezione bastano pochissimi bacilli anche se non necessariamente tutte le persone contagiate dai batteri della tubercolosi si ammalano subito. Il sistema immunitario, infatti, può far fronte all’infezione ed il batterio può rimanere quiescente per anni, pronto a sviluppare la malattia al primo abbassamento delle difese. Si calcola che solo il 10-15% delle persone infettate dal batterio sviluppa la malattia nel corso della sua vita. Un individuo malato, però, se non è sottoposto a cure adeguate può infettare, nell’arco di un anno, una media di 10-15 persone.(1)

Mycobacterium tuberculosis (Visuals unlimited)

L’attuale situazione epidemiologica della tubercolosi in Italia è caratterizzata da una bassa incidenza nella popolazione generale, (nel 2009, 4246 casi notificati, quindi al di sotto della soglia dei Paesi a bassa endemia), dalla concentrazione della maggior parte dei casi in alcuni gruppi di popolazione (circa il 40% dei casi segnalati sono pazienti stranieri residenti in Italia) e in alcune classi di età, e dall’emergere di ceppi tubercolari multi-resistenti.(2)

Si stima che la tubercolosi (sigla Tbc) provochi la morte di 3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo, e a rendere particolarmente pericoloso il batterio è l`insorgenza di ceppi multi-resistenti ai farmaci antitubercolari di prima e seconda generazione: noti scientificamente con le sigle MDR e XDR, questi ceppi costituiscono una minaccia ulteriore per il controllo della malattia proprio a causa della loro resistenza ai farmaci. Secondo l’Oms infatti, ogni anno si contano nel mondo 490 mila casi di tubercolosi MDR e 40 mila casi di tubercolosi XDR, per i quali ci sono poche speranze di salvezza. Da qui, dunque, l’esigenza di trovare nuovi farmaci e nuovi bersagli terapeutici.
La speranza di poter combattere questi ceppi multi-resistenti nasce dalla nuova classe di farmaci antitubercolari, i benzotiazinoni, sintetizzati da Vadim Makarov, dello State Research Center for Antibiotics di Mosca, e da Ute Möllmann, dell’Hans-Knöll-Institute di Jena. Le ricercatrici di Pavia hanno invece identificato il bersaglio cellulare del nuovo farmaco, l’enzima Rv3790. Questo particolare enzima è essenziale per la vita del  Mycobacterium tuberculosis, poiché coinvolto nella sintesi dell’arabinogalattano, un componente principale della parete cellulare micobatterica. La parete micobatterica è a sua volta fondamentale per la sopravvivenza di questo gruppo di batteri, in quanto è molto più spessa rispetto a quella di altri microrganismi, ed è quindi determinante per la resistenza del Mycobacterium tuberculosis agli antibiotici. Rv3790 è importante non solo come target di farmaci appartenenti alla classe dei benzotiazinoni, ma anche come efficace bersaglio terapeutico per disegnare nuovi farmaci antitubercolari specifici.(3)

La nascita di micobatteri tubercolari multi-resistenti può essere dovuta a vari fattori, primo fra tutti l’inadeguato utilizzo dei farmaci antitubercolari; è noto infatti, che uno smodato ed incontrollato utilizzo di farmaci comporti l’origine di batteri insensibili a determinati composti chimici. Anche lo scorretto smaltimento dei farmaci, che dovrebbero essere portati in farmacia una volta scaduti e non gettati nell’immondizia, ed il termine anticipato della terapia da parte dei pazienti che non assumono i medicinali secondo quanto indicato dal medico hanno contribuito al fenomeno della farmaco-resistenza da parte non solo dei batteri tubercolari ma di molti altri.

Fonti:

  1. http://www.epicentro.iss.it/problemi/Tubercolosi/tubercolosi.asp
  2. http://www.epicentro.iss.it/problemi/Tubercolosi/Tb_Mdr-Xdr.asp
  3. http://salute24.ilsole24ore.com/articles/3202-contro-la-super-tbc-un-nuovo-farmaco-e-un-bersaglio-magico
Annunci

Informazioni su Laura Mencarelli

biologa di classe A nata il 29-09-87 ad Arezzo
Questa voce è stata pubblicata in Microbiologia, Patologia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...